Torna a Eventi FPA

In collaborazione con

Con il patrocinio di

Con la partecipazione di

Media partner

Programma congressuale - In aggiornamento

mercoledì, 14 novembre mattina

10:30
11:30

Innovazione e coesione per lo sviluppo del Sud[co.01]

Sala: Cinema De Seta

L’innovazione, nelle sue diverse forme, da quella digitale a quella sociale, si configura come chiave e fattore abilitante di sviluppo intelligente ed inclusivo. Grazie alla Politica di Coesione, l’Unione Europea approda nei territori del Mezzogiorno, con l’obiettivo di aprire le porte all’innovazione e dar vita a processi di sviluppo. Spesso, però, cittadini e imprese non sono pienamente consapevoli di poter ottenere benefici concreti e quotidiani dalla Politica di Coesione. Spostare il focus dagli aspetti tecnici della programmazione europea ai successi dei progetti e ai vantaggi quotidiani per la collettività è quindi la strada giusta da intraprendere. Questo l’obiettivo di Porte Aperte all’innovazione e della sua sessione inaugurale, dove i soggetti coinvolti nella programmazione europea, dai vertici sovranazionali a quelli nazionali e territoriali, avranno modo di illustrare come la Politica di Coesione abilita lo sviluppo del Sud, con un focus sulla necessità di innovare le forme con cui la Coesione si racconta ai cittadini, perché l’innovazione è concreta solo se partecipata.

11:30
13:30

Palermo Creattiva - mappare le reti per la cittadinanza attiva e creativa[ad.01]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Le reti sociali, quando mappano la conoscenza e la rendono disponibile online,contribuiscono a generare nuovo fermento culturale. Le mappe sono lo strumento per la vera conoscenza del territorio, una conoscenza che rende attivi i cittadini, contribuendo attivamente alla risoluzione collettiva dei problemi urbani e permette alle amministrazioni di utilizzare i dati per assumere decisioni consapevoli.
 
Il workshop sarà dedicato ad approfondire il tema delle "mappe di comunità" sviluppate a Palermo, come strumento per la condivisione della conoscenza.

 

11:30
13:30

Il Sud #InRete con l'Europa[co.02]

Sala: Cinema De Seta

 
Migliorare la mobilità delle persone, delle merci e garantire uno sviluppo competitivo dei territori partendo dal Mezzogiorno. Questa è la sfida che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti persegue con il PON Infrastrutture e Reti 2014/2020 grazie al cofinanziamento della UE.
 
Nell’ambito dell’evento “Il Sud #InRete con l'Europa” il MIT illustrerà i risultati raggiunti e le prospettive di sviluppo attraverso i contributi dell’Autorità di Gestione e di alcuni Beneficiari responsabili dell’attuazione del Programma, con un intervento specifico dedicato agli aspetti di tutela ambientale.
 
Nel corso dell’evento è previsto un momento dedicato alla premiazione di una delle Scuole che hanno partecipato al Concorso previsto dall’Azione di Sensibilizzazione “Il Sud #InRete con l'Europa: racconta con i tuoi occhi.

 

13:30
14:30

A scuola di cinema...[sm.04]

Sala: Cinema De Seta

Proiezione dei trailer dei migliori audiovisivi realizzati dagli studenti del corso di "Documentario" della Sede del Centro di Sperimentale di Cinematografia.

Introdurrà il Direttore Ivan Scinardo.

13:30
15:00

"In viaggio con i PON"[sm.07]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Proiezione dei videoreportage sui progetti innovativi della Regione Siciliana avviati grazie ai finanziamenti del PON per la Scuola, del PON Imprese e Competitività e del PON Infrastrutture e Reti.

mercoledì, 14 novembre pomeriggio

14:30
15:20

Amazon: Una storia di innovazione[ct.01]

Sala: Cinema De Seta

Arrendersi? Mai. Jeff Bezos, il creatore di Amazon, è andato avanti facendosi largo tra critiche e difficoltà. Offrire al cliente la soluzione migliore e al miglior prezzo possibile: questa era la sua vision. Ma per arrivare al più grande negozio on-line sulla Terra, dovremo ripercorrere a ritroso una strada davvero tortuosa. Chilometri di scotch, porte usate come scrivanie, montagne di dollari in fumo... Amazon ha dovuto combattere con i denti prima di trionfare. Guidati dalla volontà incrollabile di Bezos, capiremo come Amazon può portarti a casa tua ciò che desideri. E lo può fare oggi.

15:00
16:00

La Rete di Avanguardie educative e la relazione reticolare scuola-lavoro[ad.02]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

La Rete di Avanguardie educative – ufficialmente costituita il 6 novembre 2014 a Genova e che conta ormai oltre 800 istituti scolastici aderenti  – è aperta a tutte le scuole italiane. La sua mission è individuare, supportare, diffondere, portare a sistema pratiche e modelli educativi volti a ripensare l’organizzazione della Didattica, del Tempo e dello Spazio del ‘fare scuola’ in una società della conoscenza in continuo divenire. In occasione dell'iniziativa "Porte aperte all’innovazione", attraverso la testimonianza diretta dei protagonisti dei processi d'innovazione in corso, legati alle idee promosse dal Movimento, sarà possibile capire come l'innovazione della scuola sia possibile e visibile.
Dopo una breve presentazione del Movimento a cura della dott.ssa Elisabetta Mughini (INDIRE) saranno presentate le testimonianze di due scuole adottanti avanguardie educative: Alfina Berté , DS  del VI I.C. Giovanni XXIII Acireale, e Rosaria Inguanta, DS dell’IISS E. Ascione  di Palermo.
Per informazioni: ae@indire.it
 
A seguire, la dott.ssa Annalisa Buffardi (INDIRE)  presenterà la relazione reticolare scuola-lavoro.
Lo scenario contemporaneo di cambiamento sociale e culturale e l’accelerazione degli sviluppi sul fronte tecnologico e scientifico caratterizzano uno degli aspetti di complessità del rapporto tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro, entrambi in mutamento. Per interpretare tale complessità occorre inquadrare la pluralità di fattori coinvolti nella relazione.
Partendo da questa cornice, l’intervento ha l’obiettivo di condividere i primi risultati del progetto,  realizzato nell’ambito del PON Scuola 2014-2020, con l’obiettivo di definire Modelli di interazione scuola-lavoro per i nuovi scenari sociali, economici, produttivi e culturali, tenendo ferma la centralità dello sviluppo di soft skills per l’occupabilità e per la vita. L’analisi mira a  valorizzare gli elementi di innovatività e trasferibilità delle pratiche di didattica integrata che derivano dal rapporto con il mondo del lavoro per lo sviluppo delle competenze.

15:30
18:00

Legalità e inclusione per uno sviluppo equo[co.03]

Sala: Cinema De Seta

Come creare occupazione e generare opportunità per i giovani direttamente sui territori? Come contrastare la dispersione scolastica e il fenomeno del drop out? Creare le condizioni per lo sviluppo del Mezzogiorno vuol dire mettere in primo piano il futuro dei suoi giovani, gettando le basi per un rafforzamento del capitale sociale attraverso l’inclusione e la diffusione della legalità.

17:30
18:30

Progetto MUV: Mobility Urban Values[ad.04]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

MUV è un'azione di ricerca e innovazione finanziata dalla Commissione Europea attraverso il programma Horizon 2020 MG-4.5-2016.
MUV sta per Mobility Urban Values ed è una piattaforma digitale che mira a incentivare abitudini più sostenibili e salutari trasformando la mobilità urbana in uno sport. 
Si gioca attraverso un'app, appena lanciata e disponibile per dispositivi Android e iOS in versione beta, e la meccanica di gioco è molto semplice: si guadagnano punti ogni volta che ci si muove a piedi, in bici, con i mezzi pubblici o condividendo il proprio veicolo con altri utenti. I punti permetteranno agli "atleti della mobilità urbana" di ricevere l'attenzione di sponsor (organizzazioni pubbliche e private imprenditoriali locali) che offrono premi e sconti agli utenti più virtuosi. 

Tutti i dati raccolti sono anonimizzati e condivisi alla cittadinanza per stimolare il dibattito sulla mobilità attiva e influenzare quindi le decisioni sulle politiche urbane per la sostenibilità.
MUV abbraccia tutta la comunità, consentendo ai cittadini di giocare in tornei, avventure e missioni per incoraggiarli ad adottare abitudini di mobilità più sostenibili e salutari, a organizzazioni pubbliche e private di migliorare la loro relazione con utenti/clienti e gli amministratori locali di progettare politiche urbane più efficaci.

18:45
19:30

Social Aperitivo[sm.06]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Un incontro per confrontarsi, davanti ad un buon aperitivo, su come i temi dell'innovazione possano essere sostenuti e diffusi tramite i social.

Introduce l'incontro Tony Siino, ospiti d'onore la Comunità di Social  Influencer di Palermo - www.socialinfluencer.it

19:30
23:00

La Fest’abballu[sm.01]

Sala: Arci Tavola Tonda

Le feste a bballu nella tradizione contadina salutavano la fine di un ciclo di lavoro: erano l'occasione per dimenticare tutta la stanchezza e per prepararsi a una nuova stagione.

Oggi vengono riproposte dalla Piccola Orchestra di Arci Tavola Tonda come una gioiosa festa, con un ensemble sul palco che eseguirà brani della tradizione per danzare insieme guidati dalle docenti di Danze Tradizionali.

Sul palco si intrecceranno i ritmi dei tamburelli e delle percussioni alle melodie della fisarmonica e dell’organetto fino alle dolci note del flauto traverso, del liuto arabo e della chitarra. Zampogna, violino e mandolino inviteranno i più riottosi almeno a battere i piedi…

Balleremo insieme, quindi, seguendo un percorso che andrà dalle tarantelle del Sud Italia alle bourrée francofone, dalle danze in cerchio balcaniche e bretoni (con passi semplici che verranno mostrati al pubblico per permettere a tutti di partecipare) ai "lenti" come la mazurka e il valzer, dalla scatenata pizzica al divertente scottish, dalla tammurriata fino alla “sudatissima” contradanza finale.

I neofiti saranno introdotti alla scoperta delle danze e guidati nei passi, durante la festa, dalle maestre di Arci Tavola Tonda.

 

giovedì, 15 novembre mattina

09:30
13:30

Talento, innovazione digitale e imprese[co.04]

Sala: Sala Bianca Centro Sperimentale di Cinematografia

Agenda digitale, rafforzamento del sistema imprenditoriale attraverso l’innovazione e Industria 4.0 sono i pilastri su cui puntare per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Ne discutiamo in questa sessione dedicata a incubatori di impresa, opportunità di finanziamento per le imprese e sviluppo tecnologico.

10:00
13:00

Ti racconto il PON Scuola…[co.05]

Sala: Cinema De Seta

Incontriamoci a Palermo il 15 novembre per raccontarci le iniziative realizzate grazie al PON Scuola!

L'appuntamento con l’evento annuale di informazione e comunicazione del Programma Operativo si inserisce nella due giorni di Palermo, il 14 e il 15 novembre, dal titolo Porte Aperte all’innovazione.

Nella suggestiva cornice dei Cantieri culturali della Zisa, l’Autorità di Gestione incontrerà i vari stakeholder del Programma per fare il punto sullo stato di avanzamento degli interventi e dare voce alle esperienze di successo di scuole provenienti da tutto il territorio nazionale.

La presenza di un desk dedicato consentirà, inoltre, di ricevere informazioni sulle opportunità di finanziamento!

È possibile iscriversi all’evento cliccando QUI

Ricordiamo che è necessario effettuare anche l'accredito alla manifestazione sul nostro sito.

 

11:15
12:15

Dal Souvenir all’Internet delle cose[ad.06]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Il ruolo di un Fablab, laboratorio di fabbricazione digitale, nella creazione della rivisitazione contemporanea del souvenir e nel processo del suo arricchimento tecnologico, che trasforma un piccolo monumento creato con la stampante 3D in un attore dell’Internet delle cose, attraverso la creazione di un piccola “stazione-meteo” a distanza che ci dice che tempo c’è nei luoghi dei nostri ricordi.

12:15
14:00

"In viaggio con i PON"[sm.08]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Proiezione dei videoreportage sui progetti innovativi della Regione Siciliana avviati grazie ai finanziamenti del PON per la Scuola, del PON Imprese e Competitività e del PON Infrastrutture e Reti.

13:00
14:00

A scuola di cinema...[sm.05]

Sala: Cinema De Seta

Proiezione dei trailer dei migliori audiovisivi realizzati dagli studenti del corso di "Documentario" della Sede del Centro di Sperimentale di Cinematografia.

Introdurrà il Direttore Ivan Scinardo.

giovedì, 15 novembre pomeriggio

14:00
16:00

ASOC Talk – Progettare una ricerca di monitoraggio civico con le scuole[ad.08]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Durante l’incontro saranno presentate tutte le novità dell’edizione 2018-2019 del progetto di didattica innovativa “A Scuola di OpenCoesione” (ASOC) e le iniziative correlate.
 
Il team ASOC, inoltre, darà a vita a una simulazione di “Data Expedition”, coinvolgendo i presenti nell’illustrazione e preparazione dei primi passi di una ricerca di monitoraggio civico, dalla scelta del progetto da monitorare, finanziato con risorse delle politiche di coesione, alla selezione delle fonti, fino alla creazione del modello di progetto (canvas).

14:00
16:00

Investire in ricerca e capitale umano nel Mezzogiorno[co.06]

Sala: Cinema De Seta

Nell’ambito della manifestazione “Porte aperte all’innovazione”, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), in qualità di Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Innovazione 2014-2020, organizza il proprio evento annuale per raccontare al territorio i progressi nell’attuazione del Programma, le analisi dei primi risultati conseguiti, le opportunità di finanziamento e le attività di comunicazione realizzate.

All’evento parteciperanno rappresentanti del MIUR, della Commissione europea, della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e operatori finanziari che si confronteranno sul tema delle opportunità offerte dal Programma coinvolgendo attivamente anche le amministrazioni centrali e locali, le università, le imprese, gli stakeholder e tutte le altre parti interessate.

Un particolare focus riguarderà gli Strumenti finanziari, quali veicoli di investimento per l’impiego dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei nelle otto regioni del Mezzogiorno, target del programma (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna).

16:00
17:30

Un' agenda per il Sud: obiettivo 2030[co.07]

Sala: Cinema De Seta

Come può la Politica di Coesione contribuire a ridurre le disuguaglianze e promuovere uno sviluppo equo e sostenibile del Sud in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite? Bisogna ripartire, insieme, grazie a un forte coinvolgimento civico e a un dialogo aperto, con la consapevolezza di ciò che è stato fatto, al fine di definire congiuntamente nuovi obiettivi e priorità per il Sud del 2030. Questo l’obiettivo della Plenaria di chiusura, dove i rappresentanti dei Programmi Operativi nazionali e i vertici istituzionali territoriali avranno modo di iniziare ad elaborare insieme l’Agenda per il Sud. A chiusura dell’Evento, la Premiazione del Contest “App4Sud”, dedicato alle app che raccontano e valorizzano il territorio delle regioni del Mezzogiorno integrando al meglio la dimensione tecnologica e le metodologie di narrazione e coinvolgimento dell’utente.

16:15
17:15

Notre Dame de Baharia e didattica laboratoriale per le competenze del XXI secolo[ad.09]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

L’IPSIA Salvo D’Acquisto di Bagheria presenterà una breve sintesi dello spettacolo “Notre Dame de Baharia” realizzata a valere sull’Avviso “Inclusione sociale e lotta al disagio”.

A seguire racconteremo le iniziative di formazione docenti e di ricerca per l’innovazione del curricolo e la sperimentazione di metodologie didattiche innovative, realizzate con grazie ai fondi PON Scuola in collaborazione con l’Indire. Saranno presentate esperienze significative e percorsi di didattica laboratoriale che, anche con l’utilizzo delle nuove tecnologie, contribuiscono alla formazione di studenti e cittadini per la nuova società della conoscenza. Punto centrale di tutti i percorsi è la trasformazione del modello di didattica tradizionale, da trasmissiva e docente-centrica, in didattica attiva e laboratoriale, necessaria sia per lo sviluppo di apprendimenti significativi nelle singole discipline sia per il potenziamento di competenze interdisciplinari e trasversali. Saranno, inoltre, fornite indicazioni sulle modalità di partecipazione ai progetti di ricerca e formazione.

Per informazioni: pondidatticalaboratoriale@indire.it

17:30
18:30

Dive Into the Sea 360°[ad.10]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Il mare e le aree costiere italiane, straordinario patrimonio ambientale, culturale e storico nazionale, subiscono minacce continue su più fronti che mettono a serio rischio l'integrità di questi ambienti fondamentali per la vita della nostra penisola. Dive into the sea 360° del mare è un progetto unico di osservazione, conoscenza ed esperienza del mondo marino attraverso l’utilizzo di realtà virtuale, fabbricazione digitale e tecniche di ripristino ambientale. L’obiettivo è quello di valorizzare la straordinaria risorsa del mare, al fine di promuovere, educare e tutelare il suo patrimonio culturale e ambientale. Il progetto è proposto dal centro di educazione ambientale “Nemo” con il contributo di altre associazioni ed è rivolto ai ragazzi e a tutti i cittadini consapevoli e impegnati a trasformare in meglio il proprio territorio. Il centro nasce presso il bene confiscato alla mafia “Cambio Rotta” di Altavilla Milicia (PA). Oltre alla visita del bene confiscato, negli spazi interni è allestito un percorso museale immersivo multimediale dove vengono effettuate esplorazioni virtuali dei principali punti di imersione del mondo e della fascia costiera palermitana. 

Il passaggio dal virtuale al reale avviene attraverso la presenza in loco del Diving Center e di biologi marini makers che guidano il visitatore verso la conoscenza diretta dei principali habitat costieri e del recupero degli ambienti degradati attraverso la fabbricazione digitale e le tecniche di ingegneria naturalistica. In questo modo si apprende come conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine.

Programma delle attività:

  • Seminario di circa 30 minuti sul progetto Dive into the sea 360°
  • Laboratorio con i visori di circa 15 minuti per max 15 ragazzi a volta, per un totale di 30 ragazzi. Gli studenti, indosseranno i visori, diventando dei veri e propri esploratori dei meravigliosi e delicati ecosistemi marini. In questo modo apprendono quali fattori abiotici e biotici hanno un impatto sulla biodiversità marina e come tali ambienti possono essere recuperati.

Rivolto a studenti dai 8 ai 18 anni

17:30
18:30

Google: Una Storia di innovazione[ct.02]

Sala: Cinema De Seta

Chi fattura 100 Miliardi di dollari all’anno? La risposta è su Google... ed è Google. Vi racconteremo come è nato il colosso dei motori di ricerca. Sarà un viaggio all’insegna della tecnologia e dell’organizzazione. Intuizioni geniali si alterneranno a scelte molto pratiche. Analizzeremo la vision di chi ha pensato tutto questo, svelando il segreto di un successo planetario. E capiremo perchè una semplice schermata bianca con un logo è diventata l’oracolo dei giorni nostri.

19:00
20:00

YoSoNu[sm.02]

Sala: Social Kitchen

Yosonu è il progetto solista di Giuseppe "drumz" Costa, batterista (dal 1997) di diverse formazioni di generi diametralmente  opposti, dal Death Metal al Reggae. Docente di propedeutica musicale per bambini e audlti, compositore e anche architetto con Yosonu cambia drasticamente rotta sperimentando e sviluppando l'idea di comporre musica contemporanea senza la presenza di alcuno strumento musicale.

Il corpo (inteso come body percussion), gli oggetti di uso quotidiano e la voce (in tutte le sue possibilità) sono i soli "strumenti" su cui si sviluppa l'idea Yosonu. L'approccio della musica del corpo e degli oggetti "a costo zero" è inoltre alla base dei laboratori di propedeutica musicale per bambini di cui si occupa Peppe, sviluppati in parallelo al suo percorso di studi della linea pedagogica Orff Schulwerk presso la sede italiana a Roma.

21:00
23:00

Meccanismo Ensemble[sm.03]

Sala: Sala Conferenze - Cre.Zi. plus

Un ensemble audiovideo che pone a confronto tre differenti livelli e momenti dell'interazione tra uomo e tecnologia in relazione al linguaggio artistico.

Materiale, scelta estetica e linguaggi messi in gioco articolano un contraddittorio tra la dimensione tradizionale e la multidimensionalità contemporanea. Il livello primitivo e rituale è rappresentato dal violino e della voce di Valeria Sturba che in relazione costante con il theremin da lei stessa suonato e il contributo elettronico di Fabrizio Rossi, interpreta e al contempo influenza il flusso video creato da Gaetano Samuele Calabrò.

Dal meccanismo fino all'universo binario, dall'inesattezza del segnale analogico alla perfezione digitale il filo conduttore resta il gesto umano e l'interazione dello stesso con le possibilità che il processo di evoluzione tecnologica rappresenta, imponendo una riflessione sulla centralità che il principio di equilibrio riveste in ogni ipotesi di sviluppo ed innovazione.